Mostra "La Pira venditore di Speranza" - Montecatini 9-12 Maggio '13

 

 

Un uomo sempre alla ricerca del bene, un uomo in costante attesa

 

La mostra allestita permetterà alle generazioni più giovani di avvicinare una figura così esemplare del '900, i cui messaggi di pace e di dialogo interreligioso e interculturale, le attenzioni alle tematiche politico amministrative, alla povertà e alla proprietà, alle politiche industriali e di sviluppo, sono estremamente attuali. L'impianto illustrativo si divide tra pannelli esplicativi del percorso di fede e politico di Giorgio La Pira e filmati originali dei suoi interventi, oltre a materiale fotografico e ad alcune ricostruzioni storiche della sua vicenda pubblica. 

 

 

Informazioni

 

Allestimento Mostra, informazioni

Alessandra De Paola Cellulare +39 393 4813231 e-mail amedepaola@gmail.com

Visite guidate individuali e gruppi

Carlo Ventavoli Cellulare +39 347 7389125 e-mail ventavoli@inwind.it

 

Programma

 

Giovedì 9 Maggio 2013

Inaugurazione Mostra

Ore 19:00

 

Venerdì 10 Maggio 2013

Apertura Mostra

dalle ore 9:00 alle ore 13:00 dalle ore 15:00 alle ore 19:00

Convegno“Giorgio La Pira: fede e politica di un uomo in attesa” Moderatore Prof. Diego Pancaldo Relatore Prof. Pietro Giovannoni Relatore Dr Marco Giovannoni

Ore 21,00 Palazzo del Turismo

 

Sabato 11 Maggio 2013

Apertura Mostra

dalle ore 9:00 alle ore 13:00 dalle ore 15:00 alle ore 19:00 Visita Guidata Collettiva ore 16:00

 

Domenica 12 Maggio 2013

Apertura Mostra

dalle ore 10:00 alle ore 13:00

 

Introduzione

L'Azione Cattolica Italiana sente quanto mai il bisogno di esprimere la propria adesione all'Anno della Fede attraverso l'azione e la partecipazione, in un momento così difficile per molte famiglie e molti lavoratori del nostro Paese.

Per questo motivo L'Azione Cattolica della diocesi di Pescia ha fortemente voluto soffermarsi sulla figura di un testimone eccezionale quale Giorgio La Pira: un uomo costantemente al lavoro per il bene del prossimo, come sindaco, come letterato, come uomo di fede, di una fede incrollabile, a tratti "sfacciata", come verrà più di una volta definita.

Il senso civico innato, le numerosissime iniziative amministrative, tanto necessarie quanto straordinarie, l'estrema attenzione alla tematica del dialogo interculturale, la ricerca della pace di cui il mondo aveva bisogno, sono elementi di una potenza trasversale, che ha trasceso il semplice ambito di azione e di influenza e che hanno fatto di questo piccolo uomo un gigante per il nostro Paese.