Il carteggio Betti-La Pira

 

 

 

 

Il carteggio inedito tra Giorgio La Pira, suo promettente discepolo nelle Università di Messina e di Firenze negli anni ’20 del Novecento, mette in scena la vicenda e le vicissitudini di un rapporto maestro-allievo. Neanche quattordici anni d’età separano i protagonisti – Betti è nato nel 1890, La Pira nel 1904 – ma ciascuno interpreta con convinzione il proprio ruolo. Dense di discussioni scientifiche (La Pira, guidato dal maestro, scrive la tesi di laurea e la monografia del 1930 sulla successione ereditaria), costellate di indiscrezioni e di giudizi anche duri sull’università, ricche di umanissimi contrasti: queste lettere accuratamente commentate da Crifò – mancato Crifò, l’ultima revisione si deve ai suoi allievi romani e a Carlo Lanza – ci permettono, oggi, di penetrare idealmente nello studio di un romanista di un secolo fa, permettendoci di rivivere un momento alto, e privato, di vita accademica e di cultura.


Presentazione di Mario Primicerio. Introduzione di Carlo Lanza. Nota redazionale di Maurilio Felici.a Emilio Betti, professore di materie romanistiche,