Giorgio La Pira e il piano latte

Basato su documenti d’archivio, il libro ricostruisce il progetto sociopolitico della distribuzione del latte attuato da Giorgio La Pira a Firenze

Una ricostruzione approfondita e ben documentata delle origini della Centrale del Latte di Firenze, sia dal punto di vista storico-politico che della complessa soluzione normativa e quindi aziendale. La ricerca, che pone al centro il lungo e complicato itinerario che sfociò con l’amministrazione Giorgio La Pira nella costruzione della Centrale, presenta un quadro esaustivo delle scelte che portarono la Giunta fiorentina a una soluzione originale per risolvere il problema della produzione e della distribuzione dell’alimento a Firenze nel secondo dopoguerra. La questione del latte, come elemento base per la popolazione, era socialmente rilevante anche per gli aspetti igienico-sanitari, tanto che le amministrazioni comunali delle grandi città e i governi si erano posti questo problema fin dagli inizi del Novecento.

L’autrice coglie tutti i significati politici, economici, sociali e culturali dell’azione di La Pira sindaco, facendo comprendere la statura e la capacità di risolvere i problemi dimostrate con lui da buona parte della classe dirigente di quel difficile dopoguerra, nell’interesse della città e del Paese.

 

Prefazione di Zeffiro Ciuffoletti